COSA E' L'INVECCHIAMENTO, ESTENSIONE E MIGLIORAMENTO DELLA VITA

->Home Page Anagen.net ->Salute generale
 
Generalità sull'invecchiamento e concetto di salute
Quali sono le caratteristiche dell'invecchiamento?
Il potenziale della vita umana
Il cervello e l'invecchiamento cerebrale
L'invecchiamento ed il tempo
Come si consumano le cellule?
I fattori dell'invecchiamento
L'invecchiamento della pelle
E' vero che l'età che ci si sente conta più di quella che si ha?
Metodi per rallentare l'invecchiamento e mantenersi in salute
Come invecchiano le varie parti del nostro corpo?
Aspettative di vita di alcune specie animali
Arteriosclerosi e ateriosclerosi
Perché è importante avere cura di sé stessi
 

GENERALITA' SULL'INVECCHIAMENTO TUTTE LE INFORMAZIONI E CONCETTO DI SALUTE

Melatonina Zinco-Selenio Pierpaoli la formulazione originaleIl filosofo Schopenhauer diceva che i nove decimi della felicità derivano dallo stato di salute.
 
Non c'è un momento della vita in cui si comincia ad invecchiare : l'organismo cresce, raggiunge la capacità riproduttiva e va incontro a progressive modificazioni che non si possono arrestare.
 
Cosa è la salute? La normalità strutturale e funzionalità fisiologica di ogni apparato e organo, con equilibrio globale dell'organismo in rapporto agli stimoli interni ed esterni.

E' quindi la sensazione percepita di completo benessere psicofisico e socioculturale, in armonia con la natura e l'ambiente che ci circonda.

Si potrebbe definire come il contrario di stato di malattia, anche se alcuni stati morbosi non possono definirsi malattia, come ad esempio la stanchezza, la vecchiaia, la gravidanza, la menopausa, etc.

Si definisce malattia una alterata condizione organica o funzionale di un organismo (o di una sua parte), con uno stato evolutivo che può giungere alla guarigione o alla morte.

La vecchiaia è definita come il periodo terminale della vita caratterizzata dal progressivo rallentamento delle funzioni fisiologiche e dal decadimento dell'organismo, ovvero il declino della salute dell'organismo umano.

Quindi la vecchiaia è un atto evolutivo caratterizzato dal deperimento nella salute fino alla morte.

Cercare di rallentare l'invecchiamento e restare giovane si può quindi intendere come cercare di rimanere in salute.

Il desiderio di longevità è insito nell'uomo, soprattutto se riguarda una vagheggiata immortalità.

La sensazione di essere immortali però non è soltanto l'età che si raggiunge ma anche in quali condizioni si possono raggiungere età come i novanta o i cento anni.

Nella nostra epoca l'aspettativa di vita si è molto innalzata ad esempio rispetto al 1800 e ciò è dovuto soprattutto alla scomparsa di molte malattie e alla sufficiente disponibilità di cibo (anche se in molte parti del mondo ancora oggi la gente muore purtroppo per malnutrizione).

Ai tempi attuali, superati i problemi di malattie mortali dovute ad esempio ad infezioni e al cibo, si è passati ad uno step successivo e si è compreso che è possibile aggiustare il comportamento personale per vivere di più e meglio.

L'età è definita come il periodo della vita umana la cui definizione è dovuta di volta in volta a fattori di accrescimento o sviluppo fisico o mentale, o a variazioni ormonali, ossia al cambiamento del tempo dello stesso organismo.

Il corpo umano è dotato di un sistema che porta ad un "suicidio" programmato delle cellule, con l'eliminazione di quelle più vecchie e malate, e il rimpiazzo con unità sane : l'apoptosi.

Ma il danno aumenta ad ogni replicazione cellulare e, nella maggior parte delle cellule del nostro corpo, dopo circa cinquanta replicazioni, il cromosoma (all'interno delle cellule) perde talmente DNA che non riesce più a riprodursi, e così la cellula muore.

Infatti la parte finale del cromosoma, il telomero, il quale si accorcia e così il cromosoma stesso.

Il nostro organismo accumula danni e non riesce a ripararli bene e completamente.

Il DNA non è un materiale chimico inerte ma ha una notevole capacità di autoaccomodamento.

Il danno è un errore nel DNA.

Questo processo non è uguale per tutte le cellule del corpo, quindi ancora c'è da scoprire molto.

Ad esempio le cellule del miocardio (il tessuto muscolare del cuore) non si riproducono.

In pratica le cellule del nostro corpo possono dividersi e replicarsi per un numero limitato di volte, poi invecchiano e muoiono.

I telomeri (parte finale dei cromosomi) rappresentano l'orologio biologico che regola questa divisione.

In questo processo i radicali liberi, molecole di ossigeno instabili che si riproducono all'interno delle cellule (nei mitocondri), hanno un ruolo : essi causano la mancata riparazione del danno delle cellule invecchiate/malate con nuove cellule, favorendo l'invecchiamento.

 

Come si "consumano" le cellule?

Nel 1961 Leonard Hayflick della University of California (USA) ha scoperto che le cellule umane in coltura non possono moltiplicarsi più di 50 volte.

Poi smettono di crescere per circa un anno e quindi muoiono : questo è il cosiddetto limite di Hayflick.

Ma nel 1971 il ricercatore russo Alexey Olovnikov scoprì il cosidetto replicometro, ovvero lo strumento che conta le 50 replicazioni cellulari e innesca la senescenza, infatti scoprì che tutte le volte che la cellula si replica, un mozzicone sempre più grande dell'estremità del cromosoma, il telomero, non viene copiato e una piccola quantità di DNA viene rosicchiata.

La replicazione quindi si ferma quando le estremità si consumano.

Fanno eccezione le cellule tumorali, le staminali embrionali e le cellule germinali (ovociti e spermatozoi) che grazie ad un enzima, la telomerasi, i telomeri si riparano.

Altri agenti danneggianti possono essere i raggi ultravioletti, sostanze tossiche, virus, etc.

Anche la quantità di stress immunologici porta all'invecchiamento : il numero di infezioni batteriche, virali, etc.

A forza di memorizzare gli antigeni (avversari) si riempie lo "spazio" di memorizzazione, ovvero non ci sono più cellule in grado di memorizzare gli stimoli immunologici.

Nello scambio di informazioni attraverso ormoni e altre molecole chimiche, un ruolo importante è svolto dal timo, una ghiandola posta nel torace che modula l'attività immunitaria.

E' molto sviluppata nell'infanzia mentre nell'età adulta attraversa un progressivo periodo di involuzione.

Il timo quindi sarebbe la ghiandola che invecchia per prima.

 

Come invecchiano le varie parti del nostro corpo ?

Il cervello arriva a perdere intorno agli 80 anni anche il 10% dei neuroni rispetto al periodo giovanile; per quanto riguarda cuore e vasi sanguigni, già intorno ai 20 anni si possono riscontrare microlesioni nella parte più interna; la pelle perde circa il 6% dell'elasticità ogni 10 anni; nell'occhio il calo della vista inizia intorno ai 40 anni e verso i 60 possono comparire danni più gravi come danni alla retina o cataratta; nell'orecchio il calo dell'udito inizia intorno ai 60-65 anni; nelle ossa, progressivamente si hanno più cellule osteoclasti che distruggono l'osso e meno osteoblasti che lo riparano.

 

Quali sono le caratteristiche dell'invecchiamento?

Le articolazioni diventano più rigide, meno mobili e talvolta si deformano (specie quelle delle mani) per fenomeni di artrosi; l'altezza può ridursi, a causa di un  incurvamento della colonna vertebrale ; i capelli diventano bianchi, crescono più lentamente e sono più sottili; la pelle diventa rugosa e meno elastica, in particolar modo al volto e al dorso delle mani; le unghie possono diventare opache e fragili; i muscoli si riducono e diminuisce la forza di contrazione; è presente la perdita di tessuto osseo, con predisposizione alle fratture ; è comune la presbiopia, cioè non si vede bene da vicino; per quanto riguarda l'udito è frequente la presbiacusia che si manifesta soprattutto in condizioni di rumore ambientale ed in presenza di contemporanee molteplici fonti del suono; diminuisce la tolleranza allo sforzo fisico, con facile insorgenza di affanno; aumenta la pressione del sangue e le arterie diventano più rigide (arteriosclerosi); arretrano le gengive;  l'intestino diventa più pigro, per cui è frequente la stitichezza; è frenquente nell'uomo l'ingrossamento della prostata che comporta un getto urinario minore con minzioni più frequenti, specie nelle ore notturne; si riduce la capacità del sistema immunitario; la velocità di guarigione delle ferite è più lenta; vi è un'accresciuta crescita di peli all'interno delle orecchie e del naso, accumulo di lipidi nella sclera (colorazione tipicamente giallognola dell'occhio).

Alcuni di questi fenomeni possono non comparire mai; altri si evidenziano solo dopo una certa età (70 anni); in casi meno fortunati già dopo i trent'anni alcuni di questi segni iniziano già a manifestarsi.

Inoltre nell'invecchiamento vi è generalmente evidenza di quattro fattori : iperglicemia (il glucosio non viene correttamente metabolizzato), ipercolesterolemia (mutazione del metabolismo dei lipidi), ipertensione (irrigidimento dei vasi soprattutto a livello renale), adiposità viscerale.

Dopo i 25 anni i livelli di testosterone e ormone della crescita inizieranno a calare, mentre si manterranno più costanti dopo i 40 anni, ecco perché da giovani si riesce a raggiungere una forma fisica che più in là con gli anni è ben più difficile modificare.

Per chi cerca la massa muscolare, sarebbe opportuno cercare di costruirsi il corpo prima dei 40 anni, superati i quali si dovrà soltanto mantenere la massa acquisita.

Dopo i 25-30 anni inoltre i giorni spensierati sono stati sostituiti da responsabilità 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

Dopo i 30 anni la capacità fisiologica dell'organismo, il "numero di giri" a cui va il nostro "motore", si riduce di circa l'1% all'anno, ovvero si consuma di meno, quindi si tende anche ad ingrassare di più se si continua a mangiare come quando si era più giovani.

Se dopo i 30 anni ci si ritrova in sovrappeso, è facile che intorno ai 50 si sarà obesi.

Più si è giovani e più è facile riequilibrare la situazione.

Dopo i quaranta anni si cominciano a perdere anche centimetri di altezza : i dischi della colonna vertebrale sono pieni di liquido ma con il passare degli anni invecchiano.

A circa 60 anni si saranno persi circa 3 cm di altezza.

Dopo i 35 anni la perdita di minerali nelle ossa comincia a superare la sostituzione. Una buona alimentazione e l'attività fisica sono tra le armi più importanti.

Tra i 50 e gli 80 anni si può perdere il 35% della massa muscolare.

Continuando ad allenarsi, invece, si può riuscire a mantenerla !

Con l'allenamento i muscoli si mantengono grandi e le ossa forti.

Nell'invecchiamento tutto si de-sincronizza e diminuisce la ciclicità ormonale : l'organismo perde il controllo di sé stesso.

E' inoltre emerso da studi che l'abrogazione del ritmo circadiano (luce-buio) accelera il processo di invecchiamento. Il venir meno dei ritmi circadiani ha effetti deleteri sul sistema immunitario.

Ci sono studi che affermano che al nostro interno possediamo un aging clock in grado di scandire la durata della nostra vita, situato nel nostro cervello e questo orologio interno sembra essere la ghiandola pineale.

Vi sono tre modi di misurare l'età : l'età cronologica, ovvero l'età anagrafica; l'età biologica, ovvero l'età del corpo e l'età psicologica, ovvero l'età che si sente di avere.

La prima età è quella certa ma l'età biologica è quella che è più degna di fede delle tre.

L'età psicologica può influenzare di molto l'età biologica, vediamo alcuni fattori :

Fattori che rallentano l'invecchiamento
Soddisfazione del proprio lavoro
Soddisfacente vita sessuale
Relazione stabile, matrimonio felice
Senso di felicità personale
Capacità di avere e mantenere amicizie intime
Senso dell'umorismo
Piacere nel trascorrere il tempo libero
Ottimismo
Capacità di esprimere le emozioni
Sensazione di non mancare di mezzi finanziari
Capacità di reagire creativamente ai cambiamenti
Fattori che accelerano l'invecchiamento
Solitudine
Depressione
Preoccupazioni costanti ed eccessive
Insoddisfazione del proprio lavoro
Disperazione, rimpianti, ipercriticismo, irritabilità
Eccesso di lavoro
Problemi finanziari
Incapacità di esprimere le proprie emozioni
La velocità del progresso dell'invecchiamento è quindi legata a tre fattori : fattore genetico (ovvero la "programmazione" insita nelle nostre cellule), fattori esterni (lavoro fisico, alimentazione, clima, esposizione ad ambiente tossico, stress, etc.) e fattori psicologici. La velocità dell'invecchiamento è quindi varia da soggetto a soggetto.

 

Aspettative di vita di alcune specie animali espresse in anni

Tartaruga delle Galapagos 152 Gorilla 55 Orso grigio 35
Uomo 123 Aquila reale 50 Anaconda 29
Elefante 70 Balena 50 Delfino 23
Gufo 68 Cavallo 46 Cane 20
Gatto 18 Oca 35  
 
Sapere invecchiare
Sei vecchio non quando hai una certa età ma quando hai certi pensieri.
Sei vecchio quando ricordi le disgrazie e i torti subiti, dimenticando le gioie che hai gustato e i doni che la vita ti ha dato.
Sei vecchio quando ti danno fastidio i bambini che giocano e corrono, le ragazzine che cinguettano, i giovani che si baciano.
Sei vecchio quando continui a dire che "bisogna tenere i piedi per terra", e hai cancellato dalla tua vita la fantasia, il rischio, la poesia, la musica.
Sei vecchio quando non gusti più i canti degli uccelli, l'azzurro del cielo, il sapore del pane, la freschezza dell'acqua, la bellezza dei fiori.
Sei vecchio quando pensi che sia finita per te la stagione della speranza e dell'amore.
Sei vecchio quando pensi alla morte come al calar nella tomba, invece che come al salire verso il cielo.
Se invece ami, ridi, speri, allora allieterai la tua giovinezza anche se hai novant'anni.
Bisogna sperare, volere. E arriveremo sempre più lontano.

Nei centenari sono stati osservati alcuni markers biologici che hanno una forte componente genetica,  tra essi : maggiore frequenza del gruppo sanguigno 0 (che si associa con ridotta incidenza di varie malattie tra cui il diabete e le malattie cardiovascolari), livelli ematici più elevati di colesterolo HDL (buono), livelli ematici più elevati di lipoproteina (a) che ha un ruolo protettivo nei confronti di ictus ed infarto cardiaco, livelli più bassi di pressione arteriosa e in particolare della pressione minima che comporta minore usura delle pareti dei vasi arteriosi, tra i centenari prevalgono le donne (secondo i ricercatori ciò è dovuto al fatto che il sesso femminile è contrassegnato dalla presenza di due cromosomi X piuttosto grandi, mentre il sesso maschile è contrassegnato dalla presenza di un cromosoma X e di uno Y, più piccolo; le donne quindi avrebbero a disposizione una maggiore riserva di DNA, utilizzabile per le funzioni vitali), inoltre tra i centenari è bassa la percentuale di coloro che soffrono di ansia e depressione e che hanno un carattere aggressivo.

Il potenziale della vita umana è di circa 120 anni.

Il corpo ha infatti capacità di auto-rigenerazione che però sono limitate nel giovane e degradate nell'anziano, dobbiamo imparare a stimolarle.

A fissare la soglia della metà della vita a 54anni e 347 giorni è la media aritmetica che deriva da un sondaggio inglese condotto dal sito Love to learn su un campione di mille persone.

Ma il 19% degli intervistati pone il limite ancora più in là a quota 60 anni.

L'inizio della vecchiaia sarebbe posto a 69 anni e 277 giorni.

Uno studio canadese ha anche scoperto che la materia grigia non perde colpi dopo i 55 anni, anzi dopo questa età si usa il cervello in modo più efficiente di quanto fanno i giovani, compensando con l'arricchimento delle connessioni la perdita dovuta all'invecchiamento.

Nel frattempo un meccanismo molecolare potenzialmente in grado di allungare la vita è stato scoperto all'Istituto Mario Negri di Bergamo : disattivando il gene per il recettore dell'ormone angiotesina, attivando i due geni della longevità Nampt e Sirtuina 3. I topi con il gene disattivato vivono il 30% in più.

Esistono già farmaci che si legano ai recettori dell'angiotesina e ne inibiscono la funzione.

E' VERO CHE L'ETA' CHE CI SI SENTE CONTA DI PIU' DI QUELLA CHE SI HA?

Parebbe proprio di si, infatti secondo alcune ricerche scientifiche condotte in Inghilterra negli ultimi anni, che volevano proprio dimostrare la fondatezza di ciò, l'età anagrafica non basterebbe a valutare la vera età del nostro corpo.

Infatti esso invecchia di più se la persona ha stili di vita sbagliati, trascura l'aspetto fisico e si deprime.

Se ci sentiamo più vecchi e gli altri ci vedono più vecchi, lo diventiamo davvero, anche fisicamente.

Se invece ci sforziamo di mantenere uno stile di vita adeguato e ci sentiamo giovani, appariremo tali.

L'INVECCHIAMENTO ED IL TEMPO

Più si invecchia e più il tempo corre.

La percezione dello scorrere del tempo cambia con l'età.

Il tempo accelera soprattutto se visto in prospettiva cioè se si pensa al futuro.

Nei momenti più intensi della vita inoltre il cervello consuma più energia così sente le ore passare più velocemente.

TUTTI I METODI ALLENTARE L'INVECCHIAMENTO E MANTENERSI IN SALUTE: TUTTO QUELLO CHE SI PUO' FARE

Lo studio sullo stile di vita degli ebrei Aschenaziti molto lonvegi del Dr. Nir Barzilai dell'Institute for Aging Research

Studio sulla molecola Benjamin Button "la molecola che fa tornare giovani"

Cogli l'attimo, cogli la rosa quando è il momento (Robin Williams, attore ne "L'attimo fuggente")
 
 
Informazioni su Anagen.net  | Pubblicità su Anagen.net  |  Privacy PolicyLegal Disclaimer | Consigli per una corretta visualizzazione
Comunica questo sito ad un tuo amico

Copyright Anagen.net