CELLULITE, RITENZIONE IDRICA E SMAGLIATURE TUTTE LE INFORMAZIONI
 
->Home Page Anagen.net ->Salute generale
La cellulite
Le fasi della cellulite
L'obesità
Collagene
Come è possibile trattare la cellulite?
Prodotti contro la cellulite?
Domande e risposte sulla cellulite
La ritenzione idrica
La pelle

Sui problemi legati alla cellulite spesso si assiste alla presentazione di prodotti miracolistici e probabilmente si è portati a credere alle versioni più catastrofiche che affermano che questo inestetismo sia difficilissimo, se non impossibile, da sconfiggere.

Prodotto integratore ad uso orale appositamente studiato per combattere la cellulite è il Lipodream di Naturdieta.

In realtà non si può pensare di "sciogliere" la cellulite come se si trattasse di burro.

Ci si deve rendere conto che la cellulite è un tessuto adiposo sofferente, il quale non è in grado di fornire energia all'organismo.

Questo tessuto trattiene i liquidi e ciò compromette la lipolisi, ovvero il processo metabolico che permette la trasformazione delle cellule di grasso in energia.

E' un errore credere che il problema colpisce solo le persone in sovrappeso. Infatti anche donne magre e sane, possono svilupparla su anche, cosce e natiche.

Cellulite è spesso il nome dato a quei depositi grassi, bitorzoluti ed irregolari.

E' quindi un tessuto grasso imprigionato nell'acqua e separato dal collagene.

Alcuni componenti, come i flavonoidi, aumentano gli scambi cellulari, fattore positivo contro questo inestetismo, facilitando quindi il drenaggio.

Con l'aumentare del drenaggio, i grassi vengono trascinati dal flusso sanguigno per essere bruciati dall'organismo.

Anche un ormone, l'adrenalina, facilita la fuoriuscita dei grassi dalle cellule e li brucia.

Inoltre rallenta l'assimilazione di zuccheri e grassi.

La cellulite compare poiché le cellule grasse di un gran numero di donne, sono localizzate in tasche tra il tessuto connettivo della pelle.

Con il tempo, un eccesso di fluidi e grasso, creano l'incurvamento di queste tasche, le quali pigiano sui tessuti connettivi.

Domanda Risposta
Compare solo su donne obese ? No, anche donne molto magre possono svilupparla sulle cosce, anche e natiche.
Fa parte del processo dell'invecchiamento ? Mentre essa può peggiorare con l'età, non bisogna sedercisi su ed accettarla.
Non è un problema serio e non peggiorerà ? Se non si prende nessun provvedimento, essa peggiorerà con il tempo.
Una dieta severa eliminerà la cellulite ? No, eventualmente una dieta può anche causare un aumento della percentuale grassa.
Gli esercizi fisici la elimineranno? Il solo esercizio fisico non libererà dalla cellulite. I depositi non possono essere immediatamente utilizzati dal corpo come combustibile.

La cellulite si origina dall'alterazione della struttura sottocutanea (il pannicolo), cioè di quello strato di tessuto ricco di cellule adipose che si trova sotto la pelle.

La modificazione di questo tessuto adiposo, e la conseguente comparsa di cellulite, è il segnale che qualcosa nell'organismo non funziona in modo corretto.

Significa che cause esterne (per esempio stress, sedentarietà, problemi ormonali, intossicazioni, cattiva alimentazione) hanno dato il via a una serie di alterazioni del grasso sottocutaneo.

Queste, a loro volta, hanno provocato la cellulite.

La principale di queste alterazioni è una cattiva circolazione venosa e linfatica (la linfa è un liquido che raccoglie i materiali di scarto dell'organismo e scorre in canali paralleli a quelli del sangue).

In secondo luogo la comparsa della cellulite indica che c'è una ritenzione di liquidi da parte dei tessuti (favorita dalla cattiva circolazione).

Il problema della cellulite e della ritenzione idrica (cioè accumulo di liquidi tra i tessuti dell'organismo) sono connessi   tra loro.

Nel corpo umano vi sono tre diversi tipi di circolazione : arteriosa, venosa e linfatica.

La circolazione arteriosa trasporta il sangue purificato dal fegato e dai polmoni ai tessuti del corpo.

La circolazione venosa raccoglie il sangue utilizzato dai tessuti del corpo, ricco di tossine e lo trasporta ancora al fegato e polmoni per purificarlo.

La circolazione linfatica è una rete di piccolissimi canali che trasporta i liquidi linfatici, ricchi di scorie che devono essere eliminate, passando attraverso i vasi venosi del torace e quindi ai reni ed al fegato.

Le fasi della cellulite sono tre :

Nella prima fase, per vari motivi tra cui fumo, sedentarietà, stress, cattiva alimentazione, cause ormonali, la circolazione venosa e linfatica rallentano.

Le tossine tendono a travasare nei tessuti e a stagnare.

Per tali problemi circolatori compaiono gli edemi (gonfiori) soprattutto a caviglie, polpacci, gambe, braccia.

La causa è di liquidi nel tessuto adiposo fuoriusciti dai vasi sanguigni.

Questi liquidi fanno apparire la pelle molle.

Nella seconda fase, le cellule adipose tendono a distanziarsi tra loro.

Le fibre elastiche della pelle vengono quindi compresse.

La pelle perde allora anche la sua luminosità naturale.

Le fibre di collagene degenerano, i piccoli vasi capillari cominciano a rompersi.

Il sangue proveniente dalle arterie non riesce a raggiungere i tessuti e quello venoso non riesce ad essere pulito dalle tossine.

La situazione peggiora.

Compare la caratteristica pelle a "buccia d'arancia".

Nella terza fase il tessuto connettivo (rivestimento gelatinoso in tutti gli organi del corpo) viene irrimediabilmente alterato, diventando sempre più duro. Iniziano a formarsi tanti piccoli noduli di grasso imprigionato, ormai immodificabili.

La pelle assume il caratteristico aspetto di "pelle a materasso".

La situazione è compromessa in modo quasi definitivo.

Gli uomini solitamente non hanno nessun problema del genere, perché le loro cellule grasse sono di una forma diversa e sono immagazzinate in maniera diversa.

 
COME E' POSSIBILE TRATTARE LA CELLULITE?
Un possibile approccio logicamente accettabile è nutrire i tessuti dall'interno.

I piedi sono il motore del nostro organismo e la pompa che spinge il sangue al cuore, quindi la loro cura è decisamente importante.

Per fare questo, il metodo migliore è concedersi un pediluvio.

La differenza di temperatura riattiverà la circolazione.

Sempre con lo scopo di stimolare la linfa ed il flusso sanguigno verso l'alto, da buoni risultati il rullare i piedi in avanti ed all'indietro facendoli scorrere su di una pallina da tennis.

Per ottimizzare efficacemente ogni passeggiata, bisognerebbe comporre passi un poco più lunghi rispetto la norma, contraendo il gluteo della gamba che rimane indietro.

Se si vuole tonificare anche gli adduttori, bisognerebbe camminare come se si fosse su di una trave, posizionando un piede davanti all'altro.

Gli esercizi per una corretta respirazione aiutano a tenere allenato il diaframma.

Sdraiati per terra con gli occhi chiusi, si inspira il più lentamente possibile dal naso gonfiando la pancia;si conta sino a 15 e si espira lentamente dalla bocca liberando il diaframma; rimanere in apnea per 15 secondi e ripetere l'esercizio.

Una corretta respirazione aiuta a rilassarsi; inoltre se si è in montagna o al mare, bisogna ricordarsi che l'ossigeno aiuta a bruciare i grassi, mentre lo iodio stimola la tiroide che ne determina lo smaltimento.

Una corretta postura favorisce la buona circolazione venosa; infatti i muscoli, ottimizzando la loro giusta posizione, spingono il sangue verso l'alto.

Al giorno d'oggi, tutti tendiamo alla lordosi,cioè a stare con la pancia in fuori, ad avere le spalle curve ed il sedere all'indietro.

Si deve stringere i glutei e raddrizzare la schiena.

Evitare l'ansia in quanto causa la produzione di sostanze che trattengono i liquidi nei tessuti e di ormoni che ci invogliano a mangiare zuccheri.

Inoltre lo stress è la causa di infiammazioni ai vasi sanguigni e rallenta la circolazione.

Se si è sottoposti ad uno stile di vita ansiogeno, è possibile rilassarsi con tecniche comportamentali come lo yoga.

Per rendere ancora più efficace la doccia mattutina e riattivare la microcircolazione, sarebbe utile eseguirla con il metodo di Kneip che consiste nell'alternare getti di acqua calda e fredda, muovendo il telefono della stessa in senso orario.

Bisogna iniziare dai piedi e risalire lungo il lato esterno della gamba sino alla coscia per proseguire sino al gluteo dove soffermarsi per alcuni secondi, per poi ritornare alla caviglia passando, questa volta, all'interno della coscia.

Ripetere questa operazione dall'altro lato.

Il getto di acqua calda dovrebbe durare 40 secondi, mentre quello freddo solo 15 secondi.

Sarebbe utile, ogni due settimane circa, approfittare della doccia per massaggiare le zone critiche con un guanto di crine.

Questa operazione permetterà di liberare la pelle dalle cellule morte preparandola a ricevere i successivi trattamenti.

Questa fibra non deve essere troppo dura affinché riesca ad attivare il microcircolo.

Evitare il diguno.

Se si salta il pasto, l'organismo richiederà più zuccheri per far fronte ai bisogno energetici a breve e medio termine con il risultato di contribuire all'insorgere di voglia di dolci.

Non bisogna quindi rinunciare completamente al cibo ma, per un effetto depurativo, bisogna ricorrere alla frutta immergendola, se si vuole aumentarne il contenuto idrico, in acqua fredda per qualche ora.

L'organismo, privato di nutrienti complessi, si rifarà sui depositi di grasso localizzato.

Secondo i nutrizionisti, una dieta per essere equilibrata deve essere bilanciata contenendo quindi tutti gli alimenti.

I carboidrati provvedono a fornire un'energia pronta all'uso; le proteine contengono quelle a lungo termine mentre i grassi aiutano il corpo a riconoscere la sazietà.

Chi ha problemi di cellulite dovrebbe limitare i cibi acidificanti, quelli contenuti nella carne, nei grassi animali e zuccheri raffinati che tendono a modificare l'equilibrio chimico dello stomaco.

Sarà utile assumere cibi alcalinizzanti come pasta e riso, cereali integrali, patate, legumi, biscotti, latte di soia e cibi neutri come verdure, frutta e pesce che, al contrario, non hanno nessuna influenza sul pH dello stomaco e vengono facilmente digeriti ed eliminati.

Cellulite edematosa: è il primo stadio della cellulite e si riconosce perché la pelle, nei punti critici, è pastosa e se pizzicata, compare un effetto" bucherellato" sulla superficie simile alla "pelle di una arancia".

Le sue origini sono dovute a disfunzioni ormonali (anche alla pillola anticoncezionale), costituzionali ed ereditarie.

La cellulite edematosa è causata da una perdita di elasticità dei vasi sanguigni che irrorano il tessuto adiposo causando il ristagno dei liquidi.

Per porre rimedio, non bisogna assolutamente perdere tempo perché questo inestetismo, se non curato, può peggiorare.

Bisogna curare meglio l'alimentazione usando poco sale, fare attività fisica costantemente unita a massaggi drenanti ed iniziare ad assumere se preferito un integratore.

Cellulite fibrosa: in questo secondo stadio della cellulite, se stringiamo la pelle fra le mani, il suo aspetto appare come quello di un sacchetto pieno di biglie, con protuberanze abbastanza evidenti.

Questa forma di inestetismo è dovuta ad un ristagno di liquidi costante che crea una sofferenza per il tessuto adiposo rendendolo fibroso, rendendo la pelle dura al tatto.

Per difenderci dalla cellulite fibrosa bisogna ricorrere a massaggi che riattivino la circolazione ed indirizzarsi verso cibi che contengano flavonoidi e bromelina, sostanze che aiutano la pelle a mantenersi elastica.

Cellulite sclerotica: si riconosce immediatamente perché, anche se non compressa, la pelle presenta avvallamenti e protuberanze come un sacchetto di noci ed inoltre, comprimendo le zone colpite,si proverà dolore e si avvertiranno gli strati profondi sottocutanei ispessiti.

In questo terzo stadio, la cellulite causa una notevole sofferenza ai tessuti e le cellule adipose aumentano numericamente e volumetricamente ma i setti fibrosi che le separano tendono ad irrigidirsi ed a ritirarsi.

Questo fa sì che le terminazioni nervose vengano compresse ed anche il semplice tastare i punti critici causi sofferenza.

La cura punta su massaggi mirati, ginnastica in acqua ed un'alimentazione povera di carboidrati.

E' fondamentale introdurre nella dieta sostanze estremamente preziose come le vitamine non solo per combattere problemi di gonfiori e di ristagno di liquidi ma anche per aiutare l'organismo a depurarsi.

Ci sono un numero di altre cose che si possono fare in combinazione all'assunzione di un integratore per ottenere un migliore trattamento anticellulite, alcuni dei quali già elencati sopra: bere acqua, mangiare cibi ricchi di fibre, ridurre i grassi nella propria dieta,  ridurre il sale, che contribuisce alla ritenzione dei liquidi, fare esercizio fisico regolarmente (ad es. passeggiare, andare in bicicletta, nuotare, giocare a tennis).

Avvertenze: se si stanno assumendo farmaci anticoagulanti o antiaggreganti piastrinici, consultare il medico prima di assumere il prodotto.

Si sconsiglia l'uso del prodotto in gravidanza e durante l'allattamento.

Leggere anche l'articolo dedicato ai grassi, al colesterolo e all'obesità.

 

LA RITENZIONE IDRICA

I liquidi che dovrebbero viaggiare attraverso i vasi sanguigni e i canali linfatici si fermano nelle cellule e nei minuscoli spazi fra esse.

La ritenzione idrica è un fenomeno tristemente noto fra le donne; oltre al danno estetico, spesso causa fastidiosi problemi che tendono a cronicizzarsi.

A volte è semplice individuare la causa della ritenzione idrica : una causa comune è l'eccesso di sale nell'alimentazione, ma anche i calzini fino al ginocchio con un elastico troppo stretto in cima possono far gonfiare le caviglie, così come stare in piedi a lungo o stare seduti con le gambe che poggiano per terra invece che su un poggiapiedi.

La ritenzione idrica prima del ciclo mestruale è dovuta a sbalzi ormonali che cambiano la funzionalità dei vasi sanguigni e delle ghiandole linfatiche.

Più di rado la ritenzione è dovuta a problemi ai reni o al fegato.

In età avanzata una causa comune del disturbo è l'insufficienza cardiaca.
 
1) Ritenzione secondaria - Si tratta di ritenzione idrica secondaria a patologie spesso gravi,  fra cui sono da citare:

Ovvio che la cura della ritenzione passa attraverso la cura della patologia.

2) Ritenzione iatrogena - L'abuso di farmaci, derivante dalla cattiva abitudine di risolvere ogni piccolo problema con un farmaco, può portare a ritenzione idrica.

Le classi di farmaci responsabili sono sostanzialmente quattro: antinfiammatori, cortisonici, terapia ormonale sostitutiva (menopausa) e contraccettivi.

Si deve notare che la ritenzione è provocata dall'uso prolungato e massiccio, ma non è mai responsabile di notevoli alterazioni idriche in un soggetto perfettamente sano.

Per esempio la pillola è spesso sotto accusa, a torto, visto che la ritenzione idrica causata dalla pillola va da 0 a 1 kg di peso, del tutto ininfluente nell'economia del benessere generale.

3) Ritenzione alimentare - Il sodio è uno dei principali imputati quando si parla di ritenzione idrica, ma quello che non tutti sanno è che il sodio causa ritenzione idrica solo se certi nostri meccanismi funzionano male.

Ciò significa che non è l'unico e sicuro responsabile.

Se si pensa di essere fra quelle persone che ritengono acqua perché il meccanismo del sodio non funziona in modo ottimale, è bene evitare i cibi salati e moderare il consumo di sale.

Ritenzione circolatoria - È quella che dovrebbe chiamarsi primaria. 

La ritenzione idrica è caratterizzata dalla tumefazione dei tessuti molli, a causa dell'accumulo di liquidi negli spazi interstiziali fra una cellula e l'altra.

L'origine della ritenzione è la stasi della circolazione dovuta al venire meno del corretto funzionamento del sistema venoso e di quello linfatico.

A causa della mancanza di tonicità delle pareti venose, le valvole a nido di rondine che sono deputate a gestire il ritorno venoso non funzionano più bene e il sangue in parte ristagna nelle vene, provocando un flusso di liquido dalle vene (degli arti inferiori e in particolare nelle caviglie) agli spazi interstiziali delle cellule. 

Un alibi? - Nelle donne molto spesso si ritiene che la ritenzione idrica provochi la cellulite nelle zone caratterizzate dalla presenza di tessuto adiposo.

In realtà troppo spesso la ritenzione idrica viene usata come alibi di un aumento di peso (soprattutto con l'età) o di una cellulite che non si riesce a tenere sotto controllo.

La donna cioè attribuisce il proprio sovrappeso e la cellulite non a uno stile di vita errato, ma a un'inevitabile ritenzione idrica.

A parte il fatto che un aumento ponderale di cinque-sei chilogrammi non può essere attribuito alla ritenzione idrica (tranne casi patologici gravi che nulla hanno a che fare con la quotidianità), esiste un buon indicatore di ritenzione idrica: l'esame del peso specifico delle urine; in presenza di ritenzione i valori sono innalzati.

L'esperimento - Inoltre le bilance impedenziometriche che misurano la percentuale di liquido corporeo ormai svelano impietosamente che l'alibi non regge.

Anche in presenza di soggetti con arti o viso gonfi ed edematosi, si scopre incredibilmente che la loro percentuale di acqua è bassa!

Cosa significa ciò? Che la ritenzione di acqua non è assoluta, ma è localizzata e che è comunque modesta (1-2 litri su una donna di 50 kg sono il 2-4%).

Il gonfiore è dovuto anche e soprattutto al tessuto adiposo in eccesso.

Infatti poiché il muscolo contiene circa il 75% di acqua contro il 50% del tessuto adiposo, matematicamente è ovvio che la percentuale di acqua in chi è in netto sovrappeso è molto bassa.

Valori normali sono:

Essendo più muscolosi, gli sportivi hanno anche un 5% in più di acqua rispetto a tali medie.

Sorprendentemente:  una maggior percentuale di acqua significa più salute!

Il problema è averla al posto giusto! Non è quindi un problema di quantità, ma di dislocazione.

Se la ritenzione idrica causa all'addome e agli arti un gonfiore che dura per più di una settimana, consultate il vostro medico.

Rivolgetevi a un medico anche se il gonfiore è tale che, pigiando sopra con un dito, sulla superficie gonfia resta un segno.

Se la ritenzione idrica è dovuta a un'insufficienza cardiaca congenita o un'altra grave malattia, dovreste essere costantemente sotto controllo.

 

LE CURE PER LA RITENZIONE IDRICA

I diuretici - Molto spesso un medico poco attento alla sua professionalità potrebbe essere indotto a consigliare i diuretici a una donna non particolarmente predisposta a uno stile di vita sano.

La prescrizione dei diuretici è simile alla prescrizione di cortisonici a un enfisematoso con la seguente motivazione: "Non vuole smettere di fumare le sue 40 sigarette al giorno? Non si preoccupi, le prescrivo un cortisonico così può continuare a coltivare il suo vizio il più a lungo possibile finché fra due o tre anni non passerà a miglior vita".

Alcuni diuretici naturali sono : tarassaco, ortica, barba del granoturco, sedano, anguria, prezzemolo, asparagi e cetrioli.

Bere più acqua potrebbe risolvere il problema della ritenzione idrica : se siete disidratati, il vostro corpo conserva l'acqua per far fronte a quella che ritiene un'ondata di siccità.

Inoltre se bevete più acqua urinate più spesso eliminando così più sali.

Bisognerebbe inoltre mangiare meno sale e assumere più potassio.

Se si soffre di ritenzione idrica prima del ciclo, nei 5 giorni immediatamente precedenti le mestruazioni si potrebbe assumere quotidianamente una dose da 100mg di vitamina B6.

Questa vitamina è anche un diuretico e quindi vi aiuta a urinare di più.

Inoltre aiuta le donne a bilanciare il livello di estrogeni e progesteroni.

Attenzione perché la dose di vitamina B6 raccomandata per gli adulti è di appena 1.2mg al giorno per le donne.

La Food Standards Agency britannica mette in guardia dall'assumere dosi terapeutiche superiori ai 10mg al giorno senza supervisione medica.

In effetti i medici ritengono che non si debba assumere vitamina B6 da sola ma che sia meglio prendere un complesso di vitamine B.

Per alleviare il gonfiore alle gambe, bisognerebbe fare sport costantemente.

La forza di gravita spinge i liquidi a concentrarsi verso il basso, per questo potreste trovarvi le gambe dal ginocchio in giù e le caviglie gonfie, soprattutto a fine giornata.

Un altro modo per ridurre il gonfiore alle gambe è indossare di prima mattina dei collant contenitivi : aderiscono alle gambe e riducono il gonfiore.

Se il gonfiore è localizzato sulla gamba dal ginocchio in giù e sul piede, quando tornate a casa dal lavoro sdraiatevi sul divano e stendete le gambe in modo tale che i piedi si trovino più in alto del petto.

I liquidi in eccesso accumulatisi nelle gambe, troveranno così la strada per immettersi nuovamente in circolo, arrivare ai reni ed essere espulsi sotto forma di urina.

Tenete i piedi in alto per una o due ore al giorno se possibile.

Le false cure - Esistono molte false soluzioni al problema che lo riducono a una sola dimensione.

Per falsa cura s'intende quella che propone una correzione unica al proprio stile di vita nella convinzione che ciò possa bastare.

Esiste la falsa cura alimentare (che propone l'eliminazione di un numero più o meno elevato di cibi), la falsa cura sportiva (che propone un allenamento molto intenso e continuo), la falsa cura salutista (che propone l'eliminazione di un solo fattore, per esempio il sodio, il fumo ecc.).

In realtà sono soluzioni semplicistiche: per avere un netto miglioramento occorre veramente una vita sana e una vita sana è l'INSIEME di diverse situazioni.
 

La vita sana - Stranamente non soffrono di ritenzione idrica quelle donne che:

È chiaro che nella vita sana occorre crederci: praticare sport non significa andare un'ora in palestra tutti i giorni parlando con le amiche, sudando poco e al massimo facendo un quarto d'ora di esercizi.

Né vale mangiare cibi sani, se poi ci si permette una quantità impressionante di calorie. 

Le soluzioni ci sono!

Perché non provare?

 

CHE PRODOTTI USARE ?

Prodotto integratore ad uso orale appositamente studiato per combattere la cellulite è il Lipodream di Naturdieta.

Leggere con attenzione anche le recensioni di tutti i prodotti Longevity come ad esempio l'integratore di elastina.

Contro le smagliature sicuramente è da dare attenzione ai prodotti Skin Biology.

Come sempre Anagen.net cerca di vagliare il mercato per analizzare le varie offerte.

 
Informazioni su Anagen.net  | Pubblicità su Anagen.net  |  Privacy PolicyLegal Disclaimer | Consigli per una corretta visualizzazione
Comunica questo sito ad un tuo amico

Copyright Anagen.net