IL PIACERE DEL CINEMA E DELLA FOTOGRAFIA
 
Cosa è il cinema
La regia
Il produttore
I movimenti cinematografici
I migliori film comici
Relazioni tra cinema e fotografia
La sceneggiatura
La fotografia
I più grandi registi di tutti i tempi
I migliori film di animazione
Il cinema muto
La colonna sonora
Il montaggio
I migliori film di tutti i tempi
I migliori film horror

Il cinema viene anche definito come "settima arte" o arte cinematografica.

Le arti vengono solitamente indicate così : Architettura (l'arte dell'uomo di costruirsi un riparo), Musica (arte antica una volta composta solo da voce e percussioni), Pittura (declinazione dell'architettura), Scultura (altra declinazione dell'architettura), Poesia (declinazione della musica), Danza (declinazione della musica) e Cinema (che concilia tutte le altre arti).

->Home Page Anagen.net ->Salute generale

E' una forma d'arte moderna nata alla fine del XIX secolo.

Il cinema è un'opera multimediale, nel senso che in sé racchiude diversi linguaggi artistici (come pittura, fotografia, letteratura, e successivamente anche musica).

Tecnicamente il cinema potrebbe definirsi come quella illusione ottica creata dalla rapida successione di immagini che contengono una ripresa frazionata della medesima azione.

Il fenomeno consente all'occhio di percepire come un fascio di luce continuo ciò che, al contrario, è una rapida sequenza di lampi (nel cinema professionale solitamente 48 al secondo, pari a 24 fotogrammi al secondo: ogni fotogramma viene illuminato due volte); l'illusione del movimento è invece opera del cervello il quale, secondo meccanismi non ancora del tutto chiariti, "assembla" la raffica di immagini che gli vengono trasmesse in modo unitario e, ciò che più conta, in movimento.

Dal punto di vista tecnico l'immagine cinematografica è chiamata "fotografia cinematografica".

Tale denominazione deriva dal fatto che ci sono molti punti in comune tra l'immagine di un film e la fotografia intesa come riproduzione statica del reale.

Intanto è da sottolineare come l'immagine cinematografica altro non sia che una sequenza di fotografie (fotogrammi) che vengono proiettate in rapida successione (24 fotogrammi al secondo) dando l'illusione del movimento.

Inoltre la tecnica per preparare e sviluppare i fotogrammi è molto simile a quella per sviluppare le normali fotografie.

E cosa è la fotografia se non l'arte di bloccare nell'attimo la bellezza della realtà?

Essa esiste ed aspetta soltanto di essere immortalata in quell'attimo fuggente.

Attenzione però, quando visitate un Museo o siete in viaggio e volete fotografare tutto, sappiate che è necessario anche dare spazio alla visione normale con gli occhi!

Infatti uno studio di Linda Henkel della Fairfield University (Usa) ha mostrato che chi fotografa soltanto qualcosa e non la osserva bene, la dimentica prima.

Quando infatti scattiamo, segnaliamo al cervello che abbiamo "esternalizzato" la memoria, non dobbiamo fare altri sforzi, in quanto li fa la macchina fotografica!

Se invece si è "attivi" le cose cambiano : in un altro studio chi ha utilizzato lo zoom sui dettagli ha ricordato tutto meglio.

Quale è il piacere che può procurare la visione di un film?

Può succedere che si venga catturati da una grande emozione mentre si è seduti sulla propria poltrona.

Un'emozione che può far piangere, far ridere, far rabbrividire, far pensare, far stupire, arrabbiare, gioire, fantasticare, far conoscere fatti, tempi, luoghi, persone e che a volte ci può anche far cambiare, lasciando una traccia indelebile dentro di noi.

Altri film hanno poi la capacità di farci perdere dentro la loro atmosfera tanto da farci nuovamente immergere nella realtà completamente spaesati.

Il cinema è un piacevole strumento di conoscenza e di cultura come può essere un libro ma che a volte può essere più gradevole e coinvolgente.

Può essere una piacevole esperienza spulciare tra i noleggi di film in DVD aperti 24 ore al giorno, magari di notte e con la colonna sonora che ti avvolge; scoprire titoli di film e averli serviti dalla bocca automatica del distributore, custodirli come prezioso bottino fino a casa e finalmente darli in pasto al proprio lettore DVD domestico.

Oppure attendere con ansia che venga recapitato un acquisto di film che si sa procurerà emozione e una nuova conoscenza, un esperienza, un aumento di cultura.

Il cinema muto è composto solo dalle immagini (o anche da una colonna sonora suonata dal vivo).

Questo succedeva nel periodo dal 1895 a circa la fine degli anni venti.

Nel 1927 invece è stato composto il primo film con una colonna sonora (Il cantante di jazz).

La tecnica di recitazione bisognava di enfasi mimica, esagerando l'espressività facciale e l'azione corporea affinché giungesse al pubblico il messaggio emozionale inteso dal regista.

La tecnica di ripresa, invece era molto lenta a confronto del film sonoro (16 o 20 fotogrammi al secondo del film muto, contro i 24 o 48 del sonoro) e il risultato era il tipico movimento a scatti e innaturale, volutamente rafforzativo, in particolare nelle commedie piuttosto che nel film drammatico.

Molti dei film muti (circa l'80%) è andato perso per sempre a causa della instabilità e fragilità della pellicola di allora.

Il cinema muto ha toccato alti vette di qualità e dopo l'avvento del sonoro fu necessario qualche tempo affinché si toccasse la stessa qualità raggiunta nei film muti.

L'avvento del sonoro nel cinema ha dato la possibilità di aggiungere una nuova componente emozionale alla scena proiettata.

Oggi l'appassionato può attrezzare nella propria abitazione una vera e propria sala cinematografica anche se di ridotte dimensioni, ove proiettare film di edizioni compressi in un DVD (Digital Versatile Disk).

Ci sono anche i nuovi supporti i Blu-ray Disc e gli HD DVD.

Se per gustare la visione di un film con audio mono è sufficiente un impianto audio-visivo composto solo da un televisore (comunque di ottima fattura per vedere correttamente il film nella sua realtà), una buona cablatura e un buon lettore, per poter vedere correttamente un film dotato di audio Dolby multicanale è necessario un impianto audio-visivo di ottima fattura (in modo da non distorcere in alcun modo le informazioni audio e video che il regista vuole farci pervenire).

Vedere e ascoltare un film in un impianto di elevata qualità può notevolmente sorprendere e far provare emozioni inaspettate (i registi spesso sfruttano le informazioni sonore multicanale per suscitare nello spettatore determinate reazioni).

La creazione di un film è una vera e propria impresa che richiede la coordinazione di una troupe di centinaia di persone l'impiego di macchinari e attrezzature molto costose,la pianificazione di molte attività diverse,a volte contemporanee.

La regia è l'atto con il quale dalla sceneggiatura si passa al film, ossia "dalla carta allo schermo".

Basandosi quindi sulla sceneggiatura (il racconto schematico della vicenda, della storia), il regista decide il tipo di inquadratura, la durata delle sequenze, l'ambientazione, il modo in cui attori e comparse devono interagire tra loro e con il set, affinché il risultato finale sia che lo spettatore creda di stare realmente assistendo all'avvenimento descritto dall'autore del romanzo o della sceneggiatura.

La sceneggiatura richiede delle buone conoscenze tecniche: una buona sceneggiatura, infatti, getta le basi per una buona riuscita del prodotto finale.

Lo svolgimento dell'azione narrato nel soggetto viene elaborato e raffinato, creando il copione finale del film, che comprende la suddivisione in scene, i dialoghi, le ambientazioni, indicazioni sulle azioni dei personaggi e sulle loro personalità, tutto quello che, insomma, può servire al regista per sviluppare le riprese.

Il regista, se già coinvolto nel progetto durante questa fase (spesso il regista viene scelto a sceneggiatura ultimata), può fornire il suo apporto nella stesura del testo. In seguito, avrà comunque la possibilità di cambiarlo e modificarlo durante le riprese.

Successivamente, è sempre la regia a stabilire che tipo di musica o di colonna sonora in generale dovrà accompagnare quella o quell'altra scena allo scopo di enfatizzare uno stato d'animo, evidenziare una situazione, sottolineare un particolare, e quant'altro serva a far capire allo spettatore qualche cosa che nel romanzo veniva reso tramite le parole, mentre nel film può essere reso anche con immagini e suoni.

Con il termine colonna sonora ci si riferisce solitamente alle musiche di un film, ma il termine comprende l'audio completo (con dialoghi e effetti sonori).

La colonna sonora di un film accompagna e sottolinea lo svolgimento della pellicola, e le musiche possono essere "originali" e non (due categorie premiate distintamente, per esempio, agli Oscar).

Può anche essere completamente assente, e in questo caso la musica proviene direttamente dall'interno del film.

Così, se in un romanzo, per dare l'idea di freddo da brividi, è sufficiente dire "faceva un freddo polare", in un film il regista dovrà servirsi di artifici vari per comunicare questa idea allo spettatore: potrà fare un inquadratura ponendo la telecamera al livello del suolo e riprendendo soggetti lontani, in modo da far vedere sullo schermo l'aria "nebbiosa" per il freddo; oppure potrà inquadrare l'abbigliamento per proteggere dal freddo del protagonista; o potrà far vedere una persona che cerca di far funzionare una stufa, o ancora potrà semplicemente far comparire in un angolo dell'inquadratura la fiamma ardente di un camino, e così via.

Una volta terminato di girare le scene secondo le istruzioni del regista, si ottiene appunto il girato, ossia l'insieme di tutte le scene girate durante la produzione del film; sarà poi il regista stesso a decidere se eliminare qualche scena dal montaggio finale, al quale però potrà anche eventualmente contribuire il produttore (che è colui che ha finanziato il film) allo scopo di rispettare i limiti prefissati di durata del film, le richieste della censura, e così via.

La fotografia ha un ruolo fondamentale nella produzione di un film ed è la responsabile principale dell'aspetto estetico finale del prodotto.

Il direttore della fotografia è uno dei collaboratori più stretti ed importanti del regista. Insieme decidono la composizione ed il taglio dell'inquadratura, a che distanza inquadrare un soggetto, con quale angolo di ripresa, etc.

Si può affermare che la fotografia è l'arte di "raccontare per immagini", ed è parte integrante di quello che è definito come "il linguaggio cinematografico": le immagini non sono altro che le parole (o i segni) del linguaggio, ed il montaggio ne è la grammatica (o la sintassi).

Parte predominante del modo di rendere il cinema un'arte è appunto il montaggio.

Ovvero il modo in cui le varie riprese effettuate si mettono insieme per produrre la pellicola finale (la sequenza di immagini che forma il film). Il montaggio detta il ritmo del film ed il suo stile narrativo.

Si può considerare il montaggio come il "vero linguaggio del regista".

Tra i movimenti cinematografici possiamo elencare : Dogma 95 (Danimarca, 1995-2005), Espressionismo (Germania, 1910-1924) , Neorealismo (Italia, 1943-1952), Nouvelle Vague (Francia, anni '60).

Tra i premi cinematografici si possono citare : Premio Oscar, Leone d'Oro, Palma d'Oro, Orso d'Oro, David di Donatello.

Tra i festival cinematografici si ricordano : Cannes, Berlino, Fajr, Venezia, Roma, Locarno, Torino.

 

Tra i più grandi registi di tutti i tempi possiamo annoverare :

Orson Welles
Charlie Chaplin
Akira Kurosawa
Ingmar Bergman
Stanley Kubrick
Alfred Hitchcock
Kenji Mizoguchi
Lilly Wilder
Vittorio De Sica
Luis Bunuel
Carl Theodor Dreyer
Robert Bresson
Francis Ford Coppola
Federico Fellini
Jean Renoir
Fritz Lang
Buster Keaton
Yasujiro Ozu
Krzysztof Kieslowski
Edgar Reitz
Andreij Tarkovskij
Sergei M. Eisenstein
Martin Scorsese
Friedrich Murnau
John Ford
Luchino Visconti
Marcel Carné
Mario Monicelli
Roberto Rossellini
Satyajit Ray
Woody Allen
Francois Truffaut
Frank Capra
Ernest Lubitsch
Howard Hawks
Pier Paolo Pasolini
Werner Herzog
Roman Polanski
Sergio Leone
Pedro Almodovar
Clint Eastwood
David Lynch
Takeshi Kitano
Steven Spielberg
Ermanno Olmi
Milos Forman
Quentin Tarantino
Michelangelo Antonioni
Nanni Moretti
Bertrand Tavernier
Jacques Tati
Jean-Luc Godard
Pietro Germi
Dino Risi
King Vidor
David Cronemberg
Bernardo Bertolucci
George Lucas
Wim Wenders
Michael Mann
Lars Von Trier
Ettore Scola
Brian De Palma
David Fincher

 

Tra i migliori film di tutti i tempi si possono ricordare (in ordine alfabetico):

2001 Odissea nello spazio di Stanley Kubrick 1968
A beautiful mind di Ron Howard 2002
Accattone di Pier Paolo Pasolini 1941
Amarcord di Federico Fellini 1973
Amanti perduti di Carné 1945
American beauty di Sam Mendes 2000
Andreij Rubliov di Andrej Tarkovskj
Apocalypse now di Francis Ford Coppola
Arancia meccanica di Stanley Kubrick 1971
Balla coi lupi di Kevin Costner 1990
Barry Lyndon di Stanley Kubrik
Blade runner director's cut di Ridley Scott 1982
Blow di Ted Demme 2001
Bronx di Robert De Niro 1993
Casinò di Martin Scorsese 1995
C'era una volta il west di Sergio Leone
C'era una volta in America di Sergio Leone 1984
Che ora è di Ettore Scola
Contact di Robert Zemeckis 1997
Cube Il cubo di Vincenzo Natali 1997
Dancer in the Dark
Dies irae di Carl Theodor Dreyer 1943
Divorzio all'italiana di Pietro Germi 1962
Dogville di Lars Von Trier 2002
Donnie Brasco di Mike Newell 1997
Donnie Darko di Richard Kelly 2001
Eyes wide shut di Stanley Kubrick 1999
Fanny & Alexander di Ingmar Bergman 1983
Fight Club di David Fincher 1999
Forrest Gump di Robert Zemeckis 1994
Full metal Jacket di Stanley Kubrick 1987
Gente comune di Robert Redford 1980
Germania anno zero di Roberto Rossellini
Gli intoccabili di Brian De Palma 1987
Gli spietati di Clint Eastwood 1992
Hana-bi Fiori di fuoco di Takeshi Kitano 1997
Heat la sfida di Michael Mann 1995
Heimat 1, Heimat 2, Heimat 3 di Edgar Reitz
Juha
I cento passi di Marco Tullio Giordana 2000
Ieri, oggi, domani di Vittorio de Sica 1963
I fiumi di porpora di Mathieu Kassovitz 2000
I guerrieri della notte di Walter Hill 1979
Il cielo sopra Berlino di Wim Wenders 1987
Il colore viola di Steven Spielberg 1985
Il favoloso mondo di Amelie di Jean-Pierre Jeunet 2002
Il cacciatore di Michael Cimino 1978
Il camorrista di Giuseppe Tornatore 1987
Il Decalogo di Krzysztof Kieslowski 1988
Il deserto dei tartari di Valerio Zurlini 1976
Il diavolo probabilmente di Robert Bresson 1978
Il dottor Stranamore, ovvero come imparai a non preoccuparmi... di Stanley Kubrick 1964
Il fascino discreto della borghesia di Luis Bunuel 1972
Il gabinetto del dottor Caligari di Wiene 1920
Il grande dittatore di Charles Chaplin 1940
Il grande Lebowski di Joel Coen 1997
Il ladro di bambini di Gianni Amelio 1992
Il mestiere delle armi di Ermanno Olmi 2001
Il monello di Charles Chaplin 1921
Il padrino di Francis Ford Coppola 1972
Il padrino II di F.F. Coppola 1974
Il padrino III di Francis Ford Coppola 1990
Il pianeta delle scimmie di Franklin J. Schaffner 1968
Il pianista di Roman Polanski 2002
Il popolo migratore di Jacques PerrinJacques Cluzaud; Michael Debats 2003
Il posto delle fragole di Ingmar Bergman 1957
Il settimo sigillo di Ingmar Bergman 1957
Il signore degli anelli - La compagnia dell'anello di Peter Jackson 2001
Il signore degli anelli - Le due torri di Peter Jackson 2002
Il signore degli anelli - Il ritorno del re di Peter Jackson
Il sorpasso di Dino Risi 1962
Il vangelo secondo Matteo di Pier Paolo Pasolini 1964
In the mood for love di Wong Kar-Wai 2000
Into The Wild di Sean Penn 2007
I quattrocento colpi di François Truffaut
I sette samurai di Akira Kurosawa 1954
I soliti ignoti di Mario Monicelli 1958
I soliti sospetti di Bryan Singer 1995
Io e Annie di Woody Allen 1977
Io non ho paura di Gabriele Salvatores 2002
I pugni in tasca di Marco Bellocchio
I racconti della luna pallida d'agosto di Mizoguchi 1962
Ivan il terribile di Sergei M. Eisenstein 1944
La 25a ora di Spike Lee 2002
L'albero degli zoccoli di Ermanno Olmi 2001
La ballata di Stroszek di Werner Herzog 1977
La battaglia di Algeri di Pontecorvo 1966
La corazzata Potemkin di Eisenstein 1925
La donna che visse due volte di Alfred Hitchcock 1958
Ladri di biciclette di Vittorio De Sica 1948
La dolce vita di Federico Fellini 1960
La febbre dell'oro di Charles Chaplin 1942
La fiamma del peccato di Wilder 1954
La finestra sul cortile di Alfred Hitchcock 1954
La grande illusione di Renoier 1937
La grande guerra di Mario Monicelli 1959
La mala educaciòn di Pedro Almodòvar 2004
La strada di Federico Fellini 1954
La tigre e il dragone di Ang Lee 2000
L'attimo fuggente di Peter Weir 1989
Touching the Void La morte sospesa 2003
L'avvocato del diavolo di Taylor Hackford 1987
La marcia dei pinguini di Luc Jacquet 2005
La meglio gioventù di Marco Tullio Giordana 2003
La passione di Cristo di Mel Gibson 2004
La passione di Giovanna D'Arco di Dreyer 1928
L'armata Brancaleone di Mario Monicelli 1966
La sottile linea rossa di Terrence Malick 1997
La vita è meravigliosa di Frank Capra 1946
Lo specchio di Andrei Tarkovsky 1974
Le ali della libertà di Frank Darabont 1994
Le iene di Quentin Tarantino 1992
Lèon di Luc Besson 1994
L'Infernale Quinlan di Orson Welles 1958
L'ora di religione di Marco Bellocchio 2002
Lo scafandro e la farfalla di Julian Schnabel 2008
Luci della città di Charles Chaplin 1932
Luci della ribalta di Charles Chaplin 1952
Luci d'inverno di Ingmar Bergman 1963
Ludwig di Luchino Visconti 1973
L'ultima tentazione di Cristo di Martin Scorsese 1988
L'ultimo dei mohicani di Michael Mann 1992
Manhattan di Woody Allen 1979
Mare dentro di Alejandro Amenabar 2004
Matrix di Andy Wachowski e Larry Wachowski 2002
Mediterraneo di Gabriele Salvatores 1991
Metropolis di Lang 1927
Microcosmos Il popolo dell'erba novembre di Marie Perennou; Claude Nuridsany 1996
Million Dollar Baby di Clint Eastwood 2004,
Miracolo a Milano di Vittorio De Sica 1951
Monster di Patty Jenkins 2003
Mouline Rouge di Baz Luhrmann 2001
Mystic River di Clint Eastwood 2003, Nikita di Luc Besson 1990
Noi i ragazzi dello zoo di Berlino di Ulrich Edel 1980
Ocean's eleven di Steven Soderbergh 2002
Ordet di Carl Theodor Dreyer 1954
Orizzonti di Gloria di Stanley Kubrick 1958
Otto e mezzo di Federico Fellini 1963
Paisà di Roberto Rossellini 1946
Parla con lei di Pedro Almodovar 2002
Platoon di Oliver Stone 1946
Primavera estate autunno inverno e ancora primavera di Kim Ki-Duk 2003
Pulp fiction di Quentin Tarantino
Qualcuno volò sul nido del cuculo di Milos Forman 1975
Quarto potere di Orson Welles 1941
Quei bravi ragazzi di Martin Scorsese 1990
Rapacità di von Stroheim 1925
Rashomon di Akira Kurosawa 1950
Regalo di Natale di Pupi Avati 1986
Rocco e i suoi fratelli di Luchino Visconti 1960
Roma città aperta di Roberto Rossellini 1946
Romanzo criminale di Michele Placido 2005
Salò o le 120 giornate di Sodoma di Pier Paolo Pasolini 1975
Salvatore Giuliano di Francesco Rosi 1962
Salvate il soldato Ryan di Steven Spielberg 1998
Scarface di Brian De Palma 1983
Sedotta e abbandonata di Pietro Germi 1964
Seven di David Fincher 1995
Slevin - Patto criminale di Paul McGuigan 2006
Solaris di Andrej Tarkovskj 1972
Spazio 1999 attacco alieno di Charles Crichton; Lee H. Katzin 1976
Stalker di Andrej A. Tarkovskij 1979
Strange Days di Kathryn Bigelow 1995
Sussurri e grida di Ingmar Bergman 1972
Taxi driver di Martin Scorsese 1976
Tempi moderni di Charles Chaplin 1936
The Departed di Martin Scorsese 2006
The Elephant Man di David Lynch 1980
Traffic di Steven Soderbergh 2000
Toro scatenato di Martin Scorsese 1980
Tre colori : Film Bianco di Krzysztof Kieslowski 1993
Tre colori : Film Blu di Krzysztof Kieslowski 1993
Tre colori : Film Rosso di Krzysztof Kieslowski 1994
Trono di sangue di Akira Kurasawa 1957
Tutti insieme appassionatamente di Robert Wise 1965
Tutto su mia madre di Pedro Almodovar 1999
Uccellacci e Uccellini di Pier Paolo Pasolini 1966
Umberto D. di Vittorio De Sica 1952
Una vita difficile di Dino Risi 1961
Un borghese piccolo piccolo di Mario Monicelli 1977
Un condannato a morte è fuggito di Robert Bresson 1956
Viaggio a Tokyo di Ozu 1953
Viaggio in fondo al mare di Irwin Allen 1961
Viale del tramonto di Lilly Wilder 1950
Vivere di Akira Kurosawa 1952
Volver di Pedro Almodovar 2006
Will Hunting Genio Ribelle di Gus Van Sant 1999

 

Tra i film comici più belli si possono citare (in ordine alfabetico) :

Amici miei di Mario Monicelli 1975
Austin Powers il controspione
Brivido biondo di George Armitage 2004
Fantozzi di Luciano Salce 1975
Fantozzi va in pensione di Neri Parenti 1988
Febbre da cavallo
Frankestein junior di Mel Brooks 1974
Guardie e Ladri di Steno e Monicelli con Totò 1951
Hollywood Party di Blake Edwards 1968
I figli del deserto di William A. Seiter 1933 con Stan Laurel e Oliver Hardy
Il clan dei due Borsalini con Franco Franchi e Ciccio ingrassia
Il secondo tragico Fantozzi di Luciano Salce 1976
Il tifoso l'arbitro e il calciatore di Pier Francesco Pingitore 1983
L'aereo più pazzo del mondo di Jim Abrahams; David Zucker; Jerry Zucker 1980
L'aereo più pazzo del mondo sempre più pazzo di Ken Finkleman 1982
La guerra lampo dei fratelli Marx 1933
L'allenatore nel pallone di Sergio Martino 1984
Mr. Bean l'ultima catastrofe di Mel Smith 1997
Non ci resta che piangere di Massimo Troisi; Roberto Benigni 1984
Scary Movie di Keenen Ivory Wayans 2000
Totò a colori di Steno e Mario Monicelli 1952
Totò Peppino e la dolce vita di Sergio Corbucci 1961
Totò Peppino e la malafemmina di Camillo Mastrocinque 1956
Tototruffa '66 di Camillo Mastrocinque 1961
Vieni avanti cretino di Luciano Salce 1982
Un mostro e mezzo di Steno 1964
Un pesce di nome Wanda di Charles Crichton 1988

 

Tra i migliori film di animazione si possono elencare (in ordine alfabetico) :

Alice nel paese delle meraviglie
Alla ricerca di Nemo di Andrew Stanton e Lee Unkrich 2003
Alla ricerca della valle incantata - Il giorno dei rettili volanti 2006
Appuntamento a Belleville di Sylvain Chomet 2002
Aristogatti
Biancaneve e i sette nani
Big Fish di Tim Burton 2003
Bambi, Boog & Elliot a caccia di amici di Open Season 2006
Cars di John Lasseter e Joe Ranft 2006
Cenerentola di Wilfred Jackson; Hamilton Luske; Clyde Geronimi 1949
Dumbo
Fantasia
Gli Incredibili di Brad Bird 2004 (Disney Pixar)
Il castello errante di Howl di Hayao Miyazaki 2004
Il pianeta del tesoro di Ron Clements; John Musker 2002
Il re leone di Roger Allers, Rob Minkoff 1994
La bella addormentata
La carica dei 101
La città incantata di Hayao Miyakazi 2001
La sposa cadavere di Tim Burton
L'era glaciale di Chris Wedge 2002
L'era glaciale II il disgelo di Carlos Saldanha 2006
Le avventure di Peter Pan di Hamilton Luske; Wilfred Jackson; Clyde Geronimi 1953
Lilli e il vagabondo di Hamilton Luske; Clyde Geronimi; Wilfred Jackson 1955
Monster & C.
Mucche alla riscossa di Will Finn; John Sanford 2004
Nightmare before Christmas di Tim Burtons 2001
Pinocchio
Polar Express di Robert Zemeckis 2005
Ratatouille
Shrek di Andrew Adamson e Vicky Jenson 2001
Shrek II di Andrew Adamson 2004
Wall-E di Andrew Stanton 2009

 

Tra i migliori film horror si annoverano (in ordine alfabetico) :

Demoni di Lamberto Bava 1985
Demoni 2 di Lamberto Bava 1986
Essi vivono di J. Carpenter 1988
Gli uccelli di A. Hitchcock) 1963
Faust di Murnau 1926
Freaks di Tod Browning 1932
Halloween, la notte delle streghe di John Carpenter 1978
Il corvo di Alex Proyas 1994
Il seme della follia di John Carpenter 1995
Il sesto senso di M. Night Shyamalan 2002
IT 2003
I tre volti della paura di Mario Bava
L'Aldilà di Lucio Fulci
La casa delle finestre che ridono di Pupi Avati 1976
La cosa di John Carpenter 1982
La maschera del demonio di Mario Bava 1960
La nona porta di Roman Polanski 1998
La scala a chiocciola di Robert Siodmak 1946
L'alba dei morti viventi Zack Snyder 2004
L'Esorcista versione integrale di William Peter Blatty 1973
M il mostro di Düsseldorf di Fritz Lang 1931
Misery non deve morire di Rob Reiner 1990
Nightmare I Dal profondo della notte di Wes Craven 1984
Nightmare III I guerrieri del sogno di Chuck Russell 1987
Nightmare VII Nuovo incubo di Wes Craven 1994
Non aprite quella porta di Tob Hooper 1974
Nosferatu di Friedrich Wilhelm Murnau 1922
Nosferatu il principe della notte di Werner Herzog 1979
Opera di Dario Argento 1987
Paura nella città dei morti viventi di Lucio Fulci 1980
Pet Sematary Cimitero vivente di Mary Lambert 1988
Phenomena di Dario Argento 1984
Poltergeist demoniache presenze di Tobe Hooper 1982
Profondo Rosso di Dario Argento 1975
Psycho di Alfred Hitchcock 1960
Quella villa accanto al cimitero Lucio Fulci 1981
Rosemary's baby di Roman Polanski 1968
Rosered di Stephen King 2002
Scream di Wes Craven 1999
Shining di Stanley Kubrick 1980
Shock di Mario Bava 1977
Suspiria di Dario Argento 1977
The Fog di John Carpenter 1980
The Grudge di Takashi Shimizu 2004
The Others di Alejandro Amenabar 2001
The Ring di Gore Verbinski 2002
Zombie di George Romero versione integrale 1992
Wampyr di George Romero 1977

 

Uno dei film preferiti in assoluto è Stalker di Andrej A. Tarkovskij 1979.

Purtroppo attualmente il cinema è spesso soltanto un grosso business (secondo appunto la logica dello show-business) e non ad esempio poesia che, come arte, dovrebbe essere.

Nel testo potrebbe esserci qualche errore ed ovviamente non me ne voglia nessuno per i nomi e i film omessi !

Il presente non intende essere un documento preciso e assoluto ma soltanto un esempio nato da un'opinione personale.

«Il cinema racchiude in sé molte altre arti; così come ha caratteristiche proprie della letteratura, ugualmente ha connotati propri del teatro, un aspetto filosofico e attributi improntati alla pittura, alla scultura, alla musica. » Akira Kurosawa (regista)

Alcuni siti riguardanti recensioni di film e il cinema in generale

http://www.mymovies.it

http://www.cinemadelsilenzio.it

http://www.filmscoop.it

 
 
Informazioni su Anagen.net  | Pubblicità su Anagen.net  |  Privacy PolicyLegal Disclaimer | Consigli per una corretta visualizzazione
Comunica questo sito ad un tuo amico

Copyright Anagen.net